Uova contaminate, ora il rischio si estende all’Italia

(Foto: pixabay.com)

La Commissione europea ha reso noto che le uova contaminate con l’insetticida fipronil sono state importate in 15 paesi, tra i quali figura anche l’Italia. Le uova, prodotte in Olanda e in Belgio, sono finite al centro dell’attenzione di Bruxelles durante le ultime ore, dopo che lo scandalo si è allargato a macchia d’olio e dopo che, nella giornata di ieri, sono scattate le manette per due olandesi. Durante gli ultimi giorni 150 aziende avicole dei Paesi Bassi sono state chiuse in via cautelativa.

Fino a ieri il ministero della Salute italiano ha ufficialmente dichiarato che “le uova contaminate con fipronil non sono distribuite in Italia“, versione resa più precisa oggi specificando che sono stati sequestrati alcuni prodotti forniti da un’azienda francese che ha usato uova provenienti da uno degli allevamenti olandesi coinvolti nello scandalo. Prodotti che non sono stati messi in commercio in Italia.

Anche secondo Coldiretti il rischio è da minimizzare poiché nei primi quattro mesi del 2017 non sono state importate uova dal Belgio, mentre dall’Olanda ne sono state acquistate 574mila, a fronte di una produzione nazionale interna che sfiora i 13miliardi di unità (dati 2016).

I Paesi coinvolti sono Italia, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Olanda, Polonia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svezia e Regno Unito.

Daniel Rosario, portavoce di Bruxelles per il Commercio e l’agricoltura, ha comunicato che la Commissione europea ha indetto un tavolo di discussione per il prossimo 26 settembre.

I rischi per la salute, in stretta relazione con la quantità di fipronil assunta, possono essere relativizzati e l’attenzione va spostata soprattutto su bambini o persone che soffrono di altre patologie. In dosi massicce il fipronil causa irritabilità, tremori, convulsioni e letargia. Sono sintomi che si esauriscono con l’assorbimento della sostanza attraverso l’intestino.

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ne vieta l’uso per gli animali che entrano nella filiera alimentare dell’uomo perché dannoso per la tiroide, per i reni e per il fegato.

The post Uova contaminate, ora il rischio si estende all’Italia appeared first on Wired.

Fonte