Le migliori pubblicità presentate a Lions Cannes 2017

In questi giorni si sta svolgendo a Cannes il Festival della creatività , l’eventone fondamentale del mondo della pubblicità in cui vengono premiate le campagne più interessanti e dove si fa il punto sullo stato di salute della creatività applicata alla comunicazione dei brand.

Dal 2011 è cambiata la ragione sociale trasformandosi da festival della pubblicità a quello della creatività, accogliendo così le mille operazioni legate ad attività digitali, prodotti che comunicano, eventi, campagne virali, attività sui social media e che vanno quindi ad aggiungersi alle campagne pubblicitarie più classiche.

Di conseguenza sono aumentate vertiginosamente le proposte da tutto il mondo e così pure le categorie che verranno premiate con i Leoni. Grazie all’ottimo sito di Lions Cannes e alle testate specializzate abbiamo visto una buona parte dei partecipanti al Festival e – per gioco e con notevole difficoltà, visto che ce ne sono tante bellissime – abbiamo scelto le nostre, seguendo delle categorie tutte nostre. Eccole.

Miglior spot basic
Nike, Time is Precious
Wieden + Kennedy, Usa

Da molti anni Nike ha affiancato alle classiche campagne di prodotto anche quelle in cui incita le persone a uscire, correre e fare sport. Questa campagna piuttosto claustrofobica usa proprio il mezzo digitale per incoraggiare le persone a sfuggire ai soliti gesti che sono soliti fare davanti allo schermo e andare a correre. E W+K, agenzia nota per campagne molto complesse e spettacolari, lo fa nel modo più semplice possibile: testo e voce robotica.

Miglior spot spettacolare
Canal +, Kitchen
BETC, Francia

Anche qui l’idea è molto semplice (“Abbiamo i migliori ingredienti per intrattenervi al meglio”), ma l’esecuzione è una delle più sontuose e ricche viste quest’anno, che sfrutta la moda delle cucine e degli chef e accontenta gli amanti della tv un po’ fracassona. Il bouquet Canal + peraltro non è nuova a spot super spettacolari.

Miglior spot per il sociale
Donate Life, The World’s Biggest Asshole
The Martin Agency, Usa

Si può redimere la vita dell’uomo più stronzo e orribile della terra? Sì, se è un donatore di organi e può quindi salvare delle vite umane a seguito della sua morte prematura. Una bella idea contro-intuitiva e un’eccellente interpretazione dell’attore Thomas Jane che interpreta Coleman F. Sweeney.

Miglior prodotto innovativo
Ikea, Cook this page
Leo Burnett, Canada

Noi saremmo anche i primi a esserci scocciati di citare Ikea ogni qual volta si inventano qualcosa. Ma che ci possiamo fare se le loro soluzioni sono sempre geniali? Questa volta con il loro design thinking propongono un’ispirazione sul cibo. Le chiamano ricette fill-in-the-blank stampate con inchiostro alimentare sicuro e carta pergamena di cottura, dove è possibile aggiungere gli ingredienti direttamente sulla pagina, rotolarla e metterla in forno.

Migliore operazione social
Addict Aide, Like My Addiction
Betc, Francia

Questa subdola campagna sociale (e social) fa scendere un velo oscuro sul mondo degli influencer e del marketing che ci sta dietro, creando un falso account Instagram per un personaggio di finzione dal nome Louise Delage. Dalle sue foto sembrava l’ennesima ragazza chic parigina con una vita sociale invidiabile, ma i suoi scatti e selfie con il tempo hanno rilevato un problema di dipendenza dall’alcol, sconvolgendo i 17.000 ignari followers che il profilo aveva accumulato in pochi mesi.

Miglior storytelling
Sandy Hook Promise, Evan
Bbdo, Usa

Dite che la parola storytelling ha rotto le scatole? Certo, perché il più delle volte è usata a sproposito e con risultati risibili. Se non l’avete ancora visto non voglio spoilerarvi niente, ma solo dirsi che qui è tutto perfetto. E il messaggio di questo spot dell’associazione non profit dei genitori degli alunni vittime del massacro di quasi cinque anni fa alla Sandy Hook Elementary School di Newtown in Connecticut è uno di quelli che non si dimentica.

Migliore operazione di comunicazione complessa (integrata)
Amnesty International, The Refugee Nation
Ogilvy & Mather, Usa

Vi ricordate che nelle ultime Olimpiadi di Rio c’era la squadra dei rifugiati politici messa in piedi da Amnesty International? L’agenzia Ogilvy ha ideato una bandiera e un inno nazionale per la squadra olimpico. Design geniale e tutto il resto.

Miglior spot italiano partecipante a Cannes
Heineken, Jackie Stewart
Publicis Milano, Italia

Molto tradizionale, pur nel suo messaggio di non consumo, questo spot realizzato in Italia per Heineken e, sinceramente, poco visto in giro.
La canzone è la versione di Heroes cantata da Nicole Atkins.

Come dicevamo all’inizio, le belle campagne sono tante e non possiamo quindi non citarvene altre.

SickKids Vs: Undeniable – Canada: bambini malati che diventano supereroi

Samsung Ostrich – Usa : Campagna vista e apprezzata anche in Italia

Tourism Ireland Door of Thrones – Regno Unito
Trasformare un problema in un’opportunità, agganciandosi a una celebre serie tv

The post Le migliori pubblicità presentate a Lions Cannes 2017 appeared first on Wired.

Fonte