Lavoro agile, Italia ultima in Europa

Foto: Getty Image

Lo smart working, per l’Italia, sembra ancora un miraggio lontano: è quanto emerge da un’indagine sul lavoro a distanza condotta da Eurofund e dall’Organizzazione Mondiale del lavoro, uno studio che mette a confronto la situazione europea con quella di Paesi dove lo smart working è ormai una realtà consolidata, come Stati Uniti e Giappone.

Lavorare a qualunque ora, ovunque ci si trovi, dovrebbe servire a bilanciare meglio gli impegni della sfera professionale e privata. Ma il lavoro agile nasconde anche un lato oscuro, legato agli alti livelli di stress e agli orari prolungati, che spesso finiscono per intaccare i tempi che dovrebbero essere dedicati alla sfera personale.

In media, in Europa il 17% dei lavoratori può ricorrere a formule di lavoro agile: per il il 10% si tratta di un’attività occasionale che si alterna alla presenza in ufficio, il 3% lavora solo da casa e il restante 4% pratica smart working su base regolare. Le percentuali variano da un Paese all’altro: l’Italia è ultima, mentre in classifica svettano Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Regno Unito, Lussemburgo e Francia.

Mentre in Italia la legge sullo smart working giace silente e dimenticata in Parlamento, i sindacati ricordano che formule lavorative più flessibili migliorano il bilanciamento tra vita privata e professionale e, in generale, la qualità della vita. L’indagine pubblicata da Eurofund chiarisce però che negli Stati Uniti, dove il 37% dei lavoratori accede a formule di lavoro agile, il 78% delle ore di lavoro in più tra il 2007 e il 2014 è stato effettuato da telelavoristi. In Giappone, il 30% delle persone che lavora da casa è impegnato professionalmente anche il sabato e la domenica.

A fronte di questo, alcuni sondaggi condotti in Francia non lasciano dubbi circa i vantaggi della flessibilità lavorativa: l’84% degli intervistati ha dichiarato di avere maggiore libertà nella gestione del proprio tempo libero e l’88% di aver avuto significativi miglioramenti nel bilanciamento degli impegni professionali e familiari.

The post Lavoro agile, Italia ultima in Europa appeared first on Wired.

Fonte