La stampante che trasforma la tua faccia in un cioccolatino

P_20170227_124326_vHDR_On

Barcellona – Se pensate che il Mobile World Congress sia solo fatto di lunghe chiacchierate sul futuro delle infrastrutture mobile, smartphone tutti uguali e realtà virtuale vi sbagliate, è anche un’ottima occasione per trasformarsi in un cioccolatino.

L’occasione si è presentata allo stand di Voluum, azienda legata al tracciamento e alle statistiche della pubblicità e degli utenti online. E visto che l’argomento può risultare meno interessante della cioccolata hanno pensato bene di invitare nel loro spazio Candy Mechanics, azienda specializzata nella creazione di dolci personalizzati.

Il rito necessario per diventare un cioccolatino è molto semplice: basta stare seduti e immobili per qualche secondo mentre un tecnico scannerizza in tre dimensioni il nostro volto, eliminare tutte le parti della scannerizzazione che non servono, come le spalle, il collo o eventuali letture errate e poi aspettare che un plotter dotato di un piccolo trapano, una sorta di stampante 3D, scavi la nostra faccia su uno stampino di cioccolata che può essere al latte, fondente o bianca.

P_20170227_123546_vHDR_On

Tutto il procedimento dura circa una decina di minuti, al termine del quale il tecnico deve solo dare una spennellata di polvere dorata al cioccolatino/leccalecca per rendere il tutto ancora più WOW ed esaltarne i dettagli. Il risultato finale è tutto sommato abbastanza ben fatto e dettagliato ma è chiaro che rende decisamente meglio su un volto dotato di qualche caratteristica che lo renda unico, come un’acconciatura voluminosa o un naso pronunciato.

Se l’idea vi piace sappiate che anche voi potete diventare un cioccolatino senza dover venire a Barcellona, vi basterà andare sul sito di Candy Mechanics, scaricare l’app per scannerizzarvi la faccia col telefono e inviare il tutto ai loro laboratori, che provvederanno a spedirvi una scatola con tre facce per ben 20 sterline.

The post La stampante che trasforma la tua faccia in un cioccolatino appeared first on Wired.

Fonte