I 5 anni di Julian Assange nell’ambasciata dell’Ecuador

assange
Sono trascorsi cinque anni dal 19 giugno 2012, quando Julian Assange, fondatore di WikiLeaks e cittadino australiano, si presentava al quartier generale dell’ambasciata dell’Ecuador a a Londra, chiedendo protezione diplomatica. A precederlo, un complesso quadro che lo vedeva al centro di una investigazione per reati sessuali in Svezia e protagonista di rivelazioni sul modus operandi del governo americano, attraverso le precedenti rivelazioni dei Cablogate.

Per Assange allora si apriva quindi un capitolo che WikiLeaks riassume così, in cifre: 5 gli anni nell’ambasciata, oltre 6 quelli in cui è di fatto detenuto senza accuse di sorta nel Regno Unito, 16 i mesi trascorsi da quando il Working Group on Arbitrary Detention (Wgad) dell’Onu ha stabilito che “Julian Assange è stato sottoposto a diverse condizioni di privazione della sua libertà con una detenzione che si configura come arbitraria. E poi ancora una sorveglianza 24 su 24 e un assedio costato al Regno Unito, secondo l’organizzazione di Assange, 12 milioni di sterline, contro un cittadino che ha ottenuto dal Governo dell’Ecuador l’asilo diplomatico, sulla base di valutazioni per cui “potrebbe esserci una persecuzione politica o una persecuzione si potrebbe produrre se le necessarie misure non fossero prese per evitarlo”.

Non ha contribuito molto a cambiare il quadro nemmeno la recente svolta giudiziaria che ha visto la procura svedese al lavoro sulle accuse contro Assange archiviare l’investigazione preliminare sul fondatore della piattaforma di whistleblowing, per incapacità di procedere oltre l’attuale quadro (Assange non è mai stato incriminato). Come già chiarito però lo scorso maggio dalle autorità inglesi, resta presente per Assange lo spauracchio di un arresto sul suolo britannico uscendo dall’ambasciata (per motivi legali che risalgono al 2012) e continua il grande rischio che le accuse di parte americana possano essere formalizzate, come da recenti auspici del dipartimento di giustizia.

I grandi temi che la permanenza di Assange nell’ambasciata ecuadoriana pone non sono tramontati, a distanza di anni e diverse uscite minacciose di alte figure dell’amministrazione Usa (dall’attorney general Sessions alle dichiarazioni del capo della Cia Pompeo) riportano il dibattito in terra statunitense. Proprio dove qualcuno dichiarava dichiarava forte vicinanza ad Assange al tempo delle super rivelazioni sulla Democratic National Committee.

PRESS NOTE: Only US & UK now seek to arrest Julian Assange. Sweden dropped its “preliminary investigation” (he was never charged) in May.

— WikiLeaks (@wikileaks) 19 giugno 2017

The post I 5 anni di Julian Assange nell’ambasciata dell’Ecuador appeared first on Wired.

Fonte