Al Wired Next Fest una giornata sull’Intelligenza Artificiale

wnf17 1800x560

Registrati alla Artificial Intelligence Conference del 26 maggio.
Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti

Se ti registri riceverai anche un'edizione speciale di Wired sull'Intelligenza Artificiale.

Il tema dell’edizione milanese del Wired Next Fest, che quest’anno si svolge dal 26 al 28 maggio, sarà l’Identità: per tre giorni esploreremo come cambia quella delle aziende, degli individui e delle entità statali grazie all’innovazione tecnologica. Tra le discipline destinate a influire maggiormente sui processi identitari c’è l’Intelligenza Artificiale.

L’intelligenza artificiale sarà al centro della prima giornata del nostro luna park dell’innovazione, ossia venerdì 26 maggio e sarà realizzata in collaborazione con Audi. Le realtà imprenditoriali più importanti del pianeta, impegnate nello sviluppo del settore, si alterneranno sul palco per raccontare cosa dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro grazie alla ricerca sul campo. L’ingresso è gratuito, ma è necessario registrarsi cliccando sul bottone qui sotto:

Registrati alla Artificial Intelligence Conference del 26 maggio.
Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti

Se ti registri riceverai anche un'edizione speciale di Wired sull'Intelligenza Artificiale.

Tra gli ospiti più attesi c’è Emmanuel Mogenet, direttore del Google Research Europe di Zurigo, il centro di ricerca di Google su A.I. e Machine Learning. In passato Mogenet ha fondato Nothing Real, software company che ha prodotto l’applicazione digitale per Shake, acquisita nel 2002 da Apple.

Altro ospite prestigioso è Antoine Bordes, capo ricercatore presso il Facebook Artificial Intelligence Research. Il ricercatore illustrerà il lavoro che la società di Mark Zuckerberg porta avanti nella sede di Parigi, dedicata allo studio sull’Intelligenza Artificiale, sull’apprendimento del linguaggio, percezione e ragionamento. “Si tratta di una sfida fondamentale del nostro tempo” spiega Bordes.

Antoine Bordes

Dopo di loro toccherà a Mykko Hypponen: Chief Research Officer di F-Secure, tra le aziende leader mondiali nella sicurezza hardware e nella produzione di antivirus, è tra i massimi esperti di sorveglianza di massa e cybercriminalità. E ancora sarà con noi Eran Shir, ceo di Nexar, start-up metà americana e metà israeliana, che sta sviluppando un sistema di controllo del traffico basato su algoritmi di Intelligenza Artificiale. Imita i sistemi di controllo del traffico aereo e riconosce tutte le targhe dei veicoli che circolano e ne traccia posizione, velocità e traiettoria. L’obiettivo è immettere sul mercato i primi mezzi a guida automatica.

Amir Konigsberg è il ceo di Twiggle, startup che utilizza l’A.I. per comprendere il linguaggio verbale, migliorare e rendere più semplice e immediata l’esperienza di ecommerce, mentre il professor Raffaello Furlan dell’Humanitas spiegherà come la disciplina è utilizzata in campo medico.

Presso l’Humanitas University opererà infatti Watson, una delle intelligenze artificiali più avanzate in circolazione, che farà da “tutor” agli studenti di medicina a partire dal terzo anno di corso. Dal mondo accademico proviene anche Riccardo Zecchina, professore di Fisica Teorica presso il Dipartimento di Scienze delle Decisioni dell’Università Bocconi.

artificial int

Massimo Rosso è direttore Information and Communication Technologies della Rai e Presidente di CIONET Italy, la più grande comunità mondiale di executive IT. E ancora interverrà Francesco Nori, coordinatore del progetto europeo AnDy (Advancing Anticipatory Behaviors in Dyadic Human-Robot Collaboration) dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova. All’interno della struttura sono sviluppati robot e macchine che imparano a operare fianco a fianco con le persone, interpretando i loro gesti e aiutandole a lavorare in completa sicurezza. Nori è lo sviluppatore degli aspetti del robot iCub legati all’equilibrio e alla interazione con il mondo esterno.

Il 26 maggio nei Dome del Wired Next Fest si approfondiranno anche i temi legati al settore, l’applicazione al mondo dell’istruzione e della finanza e numerosi altri aspetti di fondamentale importanza. Tutti gli eventi sono gratuiti, ma occorre registrarsi per tempo con il bottone che trovate qui sotto. Chi si iscrive riceverà in regalo un numero speciale di Wired dedicato all’Intelligenza Artificiale.

Registrati alla Artificial Intelligence Conference del 26 maggio.
Ingresso gratuito, fino a esaurimento posti

Se ti registri riceverai anche un'edizione speciale di Wired sull'Intelligenza Artificiale.

Per ulteriori informazioni qui trovate il sito del festival e qui l’evento Facebook. L’hashtag ufficiale della manifestazione è #WNF17.

The post Al Wired Next Fest una giornata sull’Intelligenza Artificiale appeared first on Wired.

Fonte