Messico, trovate forme di vita vecchie di 50mila anni

(Foto: Penny Boston/ Nasa)
Sono microbi e virus le 40 forme di vita ritrovate da un team di ricercatori della Nasa in fondo alle grotte di Naica, in Messico. Intrappolati, ma vivi, in cristalli di materiale inorganico, hanno circa 50mila anni. Ne ha dato l’annuncio venerdì scorso Penelope Boston, capo dell’Astrobiology Institute della Nasa, durante la conferenza dell’American Association for the Advancement of Science a Boston. La scoperta è l’ennesima prova di quanto straordinaria – e longeva – possa essere la vita sulla Terra: Boston li descrive come delle microscopiche macchine del tempo, definendoli addirittura una forma di super-vita.

Naica è un complesso di grotte che si trova nella regione di Chihuahua nel Nord del Messico, un luogo dalle condizioni estreme: le temperature sono così elevate che i ricercatori hanno dovuto indossare una sorta di tuta spaziale e delle sacche di ghiaccio per poter lavorare. E nonostante questo non hanno potuto rimanere nelle grotte per più di una v..

Leggi il seguito

Amazon assume 600 persone, da Torino a Cagliari

Quest’anno, Amazon creerà in Italia 600 posti di lavoro. Il reclutamento si rende necessario per i progressi del business registrati nel 2016 e come diretta conseguenza dell’apertura dei due nuovi centri logistici, nel Lazio e nel Piemonte. Alcune posizioni verranno infatti aperte nei centri di distribuzione attualmente in costruzione, a Passo Cortese (Vercelli) e a Rieti. Per essere pronti al prossimo Natale, le assunzioni avverranno prima di fine settembre. Il reclutamento però coinvolgerà anche i siti già operativi, come gli uffici corporate di Milano, il centro di sviluppo di Torino, il centro già esistente a Piacenza e il customer service di Cagliari. Le posizioni aperte riguarderanno un’ampia gamma di figure, dallo sviluppatore software all’ingegnere, dai profili junior a quelli senior.

Le assunzioni italiane sono solo una parte di quelle che Amazon effettuerà su scala europea: nel 2017 verranno infatti aperte 15mila nuove posizioni. Verranno creati 1500 posti in Francia e 5000 ..

Leggi il seguito

New Balance 247 Sport, anima urban con prestazioni

Per chi ama indossare le sneaker, il lancio di un nuovo modello crea aspettative, un po’ come nel mondo dei gadget tech. E non caso, perché anche in questo segmento conta l’innovazione, le prestazioni, il design e ovviamente la capacità dei brand di evolvere pur nella continuità di alcuni dettagli.

Al panorama delle sneaker che parlano a utenti che le indossano tutto il giorno, in diversi momenti e contesti dello spazio urbano, si aggiunge la nuova release di New Balance, il brand statunitense delle scarpe sportive. La nuova serie, disponibile a partire dall’11 febbraio, online ma anche in store, prende il nome di 247 Sport. Si palesa quindi subito la vocazione di questo modello, chiaramente sportivo ma con personalità, per chi vuole aggredire la strada da mattina a sera.

A caratterizzare la nuova proposta, la tomaia strutturata in mesh e una costruzione a calzino in neoprene. Il pack 247 Sport, pur innovando, guarda anche ad altri modelli performance running della casa statunitense,..

Leggi il seguito

Milka e Oreo assumono assaggiatori di cioccolato

Foto: LaPresse
A volte bisogna sacrificarsi per la gioia del consumatore: la multinazionale Mondelez Group cerca assaggiatori di cioccolato per i marchi Milka, Oreo e Cadbury. I potenziali candidati avranno pertanto l’arduo compito di valutare con onestà e professionalità delle prelibatezze: da loro dipenderà il lancio mondiale di una nuova intera linea di prodotti. La compagnia, quotata in borsa, conta oltre 100.000 dipendenti in più di 80 Paesi. Nonostante i ricavi netti dell’azienda siano diminuiti lo scorso anno del 12,5% rispetto all’anno precedente, la multinazionale è tra le più importanti nel settore alimentare.

Gli assaggiatori possono inoltrare la loro candidatura tramite LinkedIn oppure sul sito dell’azienda, nella sezione “Careers”. La sede di lavoro è Reading, tra Londra e Swindon, nel Regno Unito. Il contratto contempla un part time verticale. I candidati dovranno infatti lavorare due giorni a settimana, insieme a un gruppo di assaggiatori e a un amministratore. Gli orar..

Leggi il seguito

5 serie tv anni Novanta da rivalutare

Il 22 febbraio 2007 andava in onda l’ultima puntata della quarta stagione di The Oc Sembra impossibile, ma sono passati già dieci anni. La serie ambientata a Orange County, in California, raccontava le (dis)avventure di un gruppo di adolescenti e delle loro famiglie, il cui equilibrio già precario veniva alterato dall’arrivo nella cittadina un ragazzo di periferia, lontano anni luci dagli sfarzi di Oc.

Uscita nel 2003, la serie s’inseriva nel filone del teen drama, andando a occupare il posto vacante lasciato dai suoi predecessori, Dawson’s Creek, One Tree Hill, e prima ancora Beverly Hills 90210.

Fu infatti proprio Beverly Hills, show cult degli anni ’90 a fare da apripista a questo tipo di serie tv. All’epoca si trattò di una vera rivoluzione, fu uno dei primi show a trattare le tipiche problematiche adolescenziali (come sesso e dorga) e anche per questo ebbe milioni di telespettatori. Gli anni Novanta furono anni d’oro per il piccolo schermo, e oltre alle serie più note ci sono de..

Leggi il seguito

I racconti di Philip Dick saranno una serie tv

Bryan Cranston (il Walter White di Breaking Bad) e Ronald D. Moore (il creatore di Battlestar Galactica e Outlander) fanno squadra per la nuova serie tv Amazon (già produttrice di The Man in the High Castle, tratto dal libro omonimo che in italiano è La svastica sul sole) Philip K. Dick’s Electric Dreams.

Lo show consterà di 10 episodi e adatterà i racconti brevi di Philip K. Dick per il piccolo schermo. Non molto è dato di sapere, per il resto ma il team di sceneggiatori è impressionante: Michael Dinner di Justified, Travis Beacham di Pacific Rim, Tony Grisoni di Paura e delirio a Las Vegas, Jack Thorne di Harry Potter e la maledizione dell’erede, Matthew Graham di Doctor Who, David Farr di The Night Manager e Dee Rees di Bessie.

Nessuna data di uscita, al momento.

The post I racconti di Philip Dick saranno una serie tv appeared first on Wired.

Leggi il seguito

Samsung Galaxy Gear S3, la prova

Prezzo: 429 euro | Voto: 8 | Maggiori informazioni: Samsung

Samsung è l’unico tra i grandi produttori hi-tech a poter proporre con i propri smartwatch un’alternativa al sistema operativo Android Wear, e il Gear S3 è il dispositivo che per quest’anno porterà avanti l’ambiziosa offensiva della società: costruito sul sistema operativo Tizen, il gadget è diverso da tutti gli orologi Google in circolazione, con tutti i vantaggi (e i rischi) del caso. Per la casa coreana si tratta ovviamente del dispositivo indossabile definitivo: ci abbiamo passato qualche settimana per capire come si comporta anche rispetto alle alternative omologate al software Android.

Gear S3 in realtà si distingue dalla maggior parte dei gadget della concorrenza ancora prima di attivare lo schermo, per estetica e qualità costruttiva. Realizzato in acciaio inossidabile, lo smartwatch non ha paura di nulla: è dotato di certificazione IP68, resiste all’acqua e alla polvere, mentre la versione Frontier — quella che abbia..

Leggi il seguito

Logan, quando il west incontra il cinecomic

Il bello dei personaggi letterari, che siano tratti da libri o fumetti, è che sono fondamentalmente delle strutture su cui possiamo sperimentare. Niente ci vieta di ambientare l’Amleto in un futuro distopico di tradimenti robotici o ambientare le indagini di Sherlock Holmes ai giorni nostri, così come sono moltissime le storie in cui un supereroe ben definito è chiamato a fronteggiare situazioni per lui inusuali.

È proprio questo il caso di Wolverine con Old Man Logan, un racconto che mescola ambientazioni west e post-apocalittiche per mostrarci uno degli eroi più celebri dell’universo Marvel sotto una luce diversa. E più o meno con le stesse premesse Mangold si è accostato a Logan: voleva qualcosa che uscisse dal solco tracciato dai film precedenti dedicati agli X-Men per narrare una storia diversa. Il risultato è di una qualità tale che sono molto preoccupato per i prossimi film di supereroi.

L’ambientazione è quanto di più disperato, anti-eroico e drammatico si possa chiedere a un..

Leggi il seguito

Guarda la Sicilia innevata con gli occhi dei satelliti

L’ultimo episodio di Earth from Space, la serie dell’Esa dedicata ai panorami terrestri ripresi dalle sonde Sentinel, ha come protagonista il sud Italia, in particolare la Sicilia, subito dopo l’inattesa nevicata di inizio anno.

Oltre all’inusuale coltre bianca, che come vedete ha coinvolto un’area molto estesa, nell’immagine che vi presentiamo dovreste riuscire a scorgere anche l’Etna. Se vi state chiedendo perché i terreni sono tutti rossi, ricordatevi che si tratta di uno speciale “filtro” del satellite per valutare la salute della vegetazione: in particolare, rossi più intensi indicano aree più ricche di clorofilla, e quindi più rigogliose e sane.

Ti è piaciuto? Guarda anche questo zoom al centro della galassia.

(Esa)

The post Guarda la Sicilia innevata con gli occhi dei satelliti appeared first on Wired.

Leggi il seguito

L’umanoide della Nasa ha imparato a fare l’arbitro

Vi ricordate di Robonaut, il robot dagli arti snodati del Johnson Space Center della Nasa, a Houston? In brevissimo tempo è diventato protagonista di decine e decine di brevetti con applicazioni in oltre 50 tipi di tecnologie diverse, che vanno dall’industria spaziale al settore automobilistico fino anche al campo medico. Ma non solo.

Dopo averlo visto alle prese con le sue nuove gambe e mentre imparava a fare pure le iniezioni, eccolo in questo simpatico video dell’Agenzia spaziale immerso una nuova sfida: le mosse da arbitro.

(Nasa)

The post L’umanoide della Nasa ha imparato a fare l’arbitro appeared first on Wired.

Leggi il seguito